Accetta l’inevitabile: come aiuta a trovare una via d’uscita

„Non abbiamo potuto far fronte al mutuo e abbiamo perso l’appartamento”. „Non avrò mai

un figlio”. „La mia malattia non può essere curata” … è insopportabile riconoscere l’amara verità a molti. Dopotutto, questo significherebbe abbandonare ciò che ci è caro, per sottomettersi al destino, quindi? Si scopre, il contrario.

Siamo „impossibili” con una buona cosa durante l’infanzia, quando ci rendiamo conto che non possiamo sempre ottenere ciò che vogliamo, influenzare un’altra persona, cambiare la situazione. Crescendo, ci separamo gradualmente con la fantasia della nostra onnipotenza, ma non fino alla fine.

Questa illusione ci consente di provare almeno il controllo relativo sulla nostra vita, di sentirci competenti ed efficaci. E quindi, un incontro con la realtà crudele elimina la routine.

Buchi neri

La morte di una persona cara, tradimento, malattia, disastro naturale o collasso finanziario … incontrando problemi, stiamo vivendo in modo acuto impotenza, paura, dolore, colpa e non siamo pronti a sopportare ciò che è accaduto. Qualcuno inconsciamente cerca di negare ciò che sta accadendo, qualcuno in un impeto di odio inizia una lotta sterile con i mulini e qualcuno si congela e smette di sentire qualsiasi cosa. Ahimè, nessuna di queste reazioni può risolvere il problema.

„Ciò che abbiamo sostituito si trasforma in buchi neri carichi di energia nella realtà e la loro energia ci tiene costantemente in tensione”, spiega lo psicoterapeuta esistenziale Svetlana Krivtsova. – I sentimenti di dolore e odio non ci permettono di vivere liberamente. Bloccano, tagliano tutta la parte della vita, non permettendo di pensare e parlare su alcuni argomenti. Tutte le forze vengono spese per aggirare questo buco. Può esserci solo una via d’uscita: trasformati in quella direzione con uno sforzo di volontà e vedere: cos’è? Com’è che abbiamo così paura? Forse non è così spaventoso?”

Il lavoro di tristezza

Sentiamo spesso: „Se lo accetto, allora ho rinunciato”. Ma l’accettazione non è affatto sinonimo di consenso o approvazione.

„Accettare” significa avvicinarlo a te stesso, far entrare una vita insopportabile e lasciarlo „, afferma Svetlana Krivtsova. – Prima di tutto, devi solo dire a te stesso: sì, questo è così. „Non avrò mai mio figlio”, a un certo punto una donna o un uomo. E questo riconoscimento lancerà in loro un potente processo di tristezza, piangendo il gioiello che muore dalla vita.

Vivendo emotivamente una perdita – un dolore di un sogno che non si avverirà, rimpiangendo i piani che non si sono avveriti, ci diamo calore, cura e in questo stretto contatto con noi troviamo le risorse per resistere al dolore.

„E poi iniziamo gradualmente a capire: ciò che amo può essere vissuto, ma in una forma diversa”, continua il terapeuta. – E ora un altro compito si trova di fronte a noi: separare quelli dati che non possono essere modificati, dal valore che nessuno può toglierci „.

Se non posso essere una madre/padre, questo significa che non vivrò mai una madre o un paterno a partire da me stesso? Affatto. Posso adottare un bambino, diventare una tata, insegnante, zia o zio dei miei nipoti.

„Prendendo una perdita, non mi rifiuto di cercare ciò di cui ho bisogno”, ricorda Svetlana Krivtsova. – Reindirizza le ricerche nell’altra direzione. Quindi l’accettazione non è affatto umiltà. Possiamo dire che questa è la più alta forma di resistenza al destino „.

Mai o altro

„A causa della pandemia, ho dovuto trasferirmi da una madre anziana per prendermi cura di lei”, dice Tatyana, 45 anni. – e tra noi immediatamente scintillati, come in gioventù: irritazione, litigi. Mi mancava sempre il suo sostegno, ma la speranza dei bambini ha soffocato in me: la giornata arriverà e tutto cambierà. E ora ho capito: no, non cambierà, mia madre non mi amerà mai „. È vero, è svelato, ma vivere con questa scoperta non è facile.

„Lo stesso, molto grande, lavora sulla separazione degli insoddisfatti dal possibile”, conferma Svetlana Krivtsova qui. – La mamma non funzionerà, è ciò che è e non può dare ciò di cui ho bisogno (calore, attenzione).

Ma è grazie a mia madre (paradosso!) Comincio a capire ciò di cui avevo bisogno da lei – diciamo, relazioni così strette, in cui non vi è solo cooperazione, ma anche simpatia, comprensione, opportunità di essere deboli. Quello che mia madre avrebbe dovuto dare, comincio a guardare in un partner o un amico. Ottengo qualcosa di prezioso: chiarezza su ciò di cui ho veramente bisogno „.

Quando capiamo dove dirigere l’attenzione, il nostro essere si sta espandendo. Continuiamo a provare dolore e tristezza. Ma iniziamo a trattarli in modo diverso, permettiamo loro di essere e imparare a vivere con loro.

Sulla base di questa accettazione, sulla conoscenza di come è organizzata la vita, su tutto ciò che è prevedibile – almeno un cambio di stagioni – otteniamo gradualmente un equilibrio interno di fronte a ciò che è accaduto: “Posso essere vicino ad esso, non lo fa distruggimi. Mi fido di nuovo del mondo, non cado nello scoraggiamento, non sto cercando il colpevole, non giuro Dio, destino per avermi derubato. Sono sopravvissuto a questa sventura. E ora posso andare avanti „.

Tutto finisce

Vladimir Baskakov, psicoterapeuta orientato al corpo, tanatoterapista

I bambini crescono, gli amici si allontanano, il corpo sta invecchiando … l’inevitabilità dei cambiamenti porta l’idea dell’inevitabilità della morte ed è insopportabile. Come accettarlo? Possiamo imparare molto dal corpo se vediamo in lui un amico e un consulente, e non un traditore che eccezionale debolezza.

Prestiamo attenzione: inspirate ed espirano a vicenda. Puoi trattenere il respiro, ma più a lungo non respiriamo, più è difficile ripristinare il suo ritmo. Anche i periodi di sonno e la veglia si seguono.

Se accettiamo i nostri bisogni naturali, stabiliamo una connessione con il nostro corpo e attraverso di esso – con la nostra natura, ci sentiamo parte dell’universo subordinato ai ritmi ciclici. I cambiamenti, come la morte, sono una condizione naturale per la nostra esistenza.